Attiva i javascript per vedere correttamente il sito

Rassegna Giuridica Umbra

il 15 febbraio 2011 Luciano Brozzetti scriveva:

Dopo undici lustri di "onorato servizio" nella forma tradizionale, anche per la nostra Rivista è giunto il tempo di affrontare l'"alto mare aperto" dell'edizione on line, che prende avvio con il numero unico dell'anno 2010 (di prossima pubblicazione) e con la costituzione di relativa banca dati, accessibile attraverso il sito della Fondazione Forense.  E' un passo, questo, necessario per continuare ad assicurare non solo la diffusione ma, prima ancora, la sopravvivenza stessa, culturale e scientifica, della “Rassegna” nell'epoca di internet e delle nuove vie della conoscenza.

Certamente per merito di quelli che ci hanno preceduto nel dedicarle il loro tempo e la loro intelligenza, la Rivista ha acquisito sin dall'inizio indubbia credibilità e robustezza rivelandosi, nel contempo, in linea con i propositi dei fondatori, uno strumento di notevole utilità per la diffusione degli orientamenti della giurisprudenza dei nostri Fori e dei dibattiti da essa suscitati nonché come palestra di apporti dottrinali e di riflessione, in una virtuosa osmosi che ha favorito una crescita professionale, con riferimento sia ai “casi” e alle questioni trattati sia ai tempi.

E', quindi, per rispondere a (e non tradire) queste esigenze di lungo corso, che si è resa necessaria e non più rinviabile l'edizione "tecnologica" (e l’annessa banca dati), senza peraltro trascurare le specifiche richieste di chi intendesse avvalersi ancora dello strumento tradizionale, che saranno regolarmente soddisfatte.

Il nostro impegno dunque dovrà essere, e sarà, quello di garantire anche nella nuova veste, senza alcuna cesura, il più alto livello qualitativo, rendendo, nel contempo, il più agevole possibile la lettura e l'utilizzazione dei testi giurisprudenziali e dottrinali pubblicati (la banca dati ricomprende infatti anche le ultime annualità cartacee). Essenziale saranno, sempre, il qualificati contributo dei magistrati, degli avvocati, dell'Università,  e quello, auspicabile,  di altri professionisti che si trovino ad affrontare questioni rilevanti anche per il giurista, la preziosa collaborazione dei giovani studiosi, ai quali compete, nel rispetto dell'identità di questo nostro peculiare patrimonio culturale,  di supportare e vivificare le innovazioni indispensabili per mantenere inalterati il prestigio e la consueta crescita della “Rassegna”, pure nella fase che ci apprestiamo ad affrontare.

Nella consapevolezza dello sforzo di adeguamento, anche mentale, che siamo chiamati (e sono chiamato, come nuovo Direttore) a compiere, ma anche nella certezza di fare affidamento sul concorso di forti energie intellettuali e morali, rivolgo a tutti i collaboratori (e a me stesso) l'augurio di un proficuo lavoro e invoco fin da ora la benevolenza dei lettori per le eventuali imperfezioni (tecnologiche e non) che, nonostante tutto, si verificassero.

ULTIME 5 NEWS INSERITE

17-12-2018 CODICE DESTINATARIO PER FATTURAZIONE ELETTRONICA

Si comunica che il codice destinatario della Fondazione Forense di Perugia "Giovanni Dean" è il seguente: 8YMRSMV

17-09-2018 Relazione evento 13 Settembre 2018

Si allega la relazione del Dott. Giuseppe Buffone relativa all'Evento Formativo "Sentenza Cassazione Sezioni Unite n. 18287 dell'11 luglio 2018 in tema di assegno divorzile".

16-02-2018 Relazione evento 2 Febbraio 2018

Si allega la relazione dell' Avv. Giulia Facchini relativa all'Evento Formativo "La Legge sul fine vita, quali nuovi compiti per l'Avvocato".

10-10-2017 Relazioni evento 29 Settembre 2017

Relativamente all'evento "Avvocati e mercato. Come battere la crisi. Strategie di promozione dello studio legale, tra innovazione tecnologica e sfida della concorrenza" si comunica che sono disponibili le relazioni dell'Avv. Facchini, del Dott. Josep Ejarque Bernet, dell'Avv. Cominotto, dell'Avv. Davalli, dell'Avv. Poli, dell'Avv. Stumpo e dell'Avv. Cresci.

 

28-09-2017 Rivista dell'esecuzione forzata 1/2017

"I poteri officiosi dell'ufficiale giudiziario nell'esecuzione forzata ordinaria", Amedeo Sperti, Wolters Kluwer Italia.