Attiva i javascript per vedere correttamente il sito

Rassegna Giuridica Umbra

il 15 febbraio 2011 Luciano Brozzetti scriveva:

Dopo undici lustri di "onorato servizio" nella forma tradizionale, anche per la nostra Rivista è giunto il tempo di affrontare l'"alto mare aperto" dell'edizione on line, che prende avvio con il numero unico dell'anno 2010 (di prossima pubblicazione) e con la costituzione di relativa banca dati, accessibile attraverso il sito della Fondazione Forense.  E' un passo, questo, necessario per continuare ad assicurare non solo la diffusione ma, prima ancora, la sopravvivenza stessa, culturale e scientifica, della “Rassegna” nell'epoca di internet e delle nuove vie della conoscenza.

Certamente per merito di quelli che ci hanno preceduto nel dedicarle il loro tempo e la loro intelligenza, la Rivista ha acquisito sin dall'inizio indubbia credibilità e robustezza rivelandosi, nel contempo, in linea con i propositi dei fondatori, uno strumento di notevole utilità per la diffusione degli orientamenti della giurisprudenza dei nostri Fori e dei dibattiti da essa suscitati nonché come palestra di apporti dottrinali e di riflessione, in una virtuosa osmosi che ha favorito una crescita professionale, con riferimento sia ai “casi” e alle questioni trattati sia ai tempi.

E', quindi, per rispondere a (e non tradire) queste esigenze di lungo corso, che si è resa necessaria e non più rinviabile l'edizione "tecnologica" (e l’annessa banca dati), senza peraltro trascurare le specifiche richieste di chi intendesse avvalersi ancora dello strumento tradizionale, che saranno regolarmente soddisfatte.

Il nostro impegno dunque dovrà essere, e sarà, quello di garantire anche nella nuova veste, senza alcuna cesura, il più alto livello qualitativo, rendendo, nel contempo, il più agevole possibile la lettura e l'utilizzazione dei testi giurisprudenziali e dottrinali pubblicati (la banca dati ricomprende infatti anche le ultime annualità cartacee). Essenziale saranno, sempre, il qualificati contributo dei magistrati, degli avvocati, dell'Università,  e quello, auspicabile,  di altri professionisti che si trovino ad affrontare questioni rilevanti anche per il giurista, la preziosa collaborazione dei giovani studiosi, ai quali compete, nel rispetto dell'identità di questo nostro peculiare patrimonio culturale,  di supportare e vivificare le innovazioni indispensabili per mantenere inalterati il prestigio e la consueta crescita della “Rassegna”, pure nella fase che ci apprestiamo ad affrontare.

Nella consapevolezza dello sforzo di adeguamento, anche mentale, che siamo chiamati (e sono chiamato, come nuovo Direttore) a compiere, ma anche nella certezza di fare affidamento sul concorso di forti energie intellettuali e morali, rivolgo a tutti i collaboratori (e a me stesso) l'augurio di un proficuo lavoro e invoco fin da ora la benevolenza dei lettori per le eventuali imperfezioni (tecnologiche e non) che, nonostante tutto, si verificassero.

ULTIME 5 NEWS INSERITE

12-11-2020 CORRUZIONE E DINTORNI: 15 DICEMBRE 2020

Ad esaurimento dei posti disponibili tramite il programma "RICONOSCO", i Soci della Fondazione, in regola con il pagamento delle quote associative, potranno inviare una mail con richiesta di iscrizione all'evento a: segreteria@ordineavvocati.perugia.it

02-10-2020 Cass., Sez. V, Ord. 11617 del 16.06.2020

Si pubblica l'Ordinanza della Corte di Cassazione n. 11617 del 16.06.2020 in tema di esenzione fiscale di cui all'art. 17, commi 2 e 3 D.lgs n.28/2010 ("L'esenzione fiscale di cui all'art. 17 co. 2 e 3 del D.lgs 28/2010 (nel caso di specie: dall'imposta di registro sul trasferimento immobiliare), opera solo per atti eseguiti in base all'accordo sottoscritto in sede di mediazione. Ne consegue che l'eventuale atto notarile di trasferimento immobiliare stipulato successivamente, e comunque indipendentemente dal procedimento di mediazione e dal relativo accordo conciliativo, non può beneficiare della predetta esenzione").

02-10-2020 Conclusioni del Procuratore Generale della Corte di Cassazione- Udienza pubblica del 10.03.2020 Sez. Unite Civili

Si pubblicano le conclusioni dell'Ufficio del Procuratore Generale all'udienza pubblica del 10.03.20 Sez. Unite Civili in merito al rapporto tra decreto ingiuntivo e mediazione, in attesa del pronunciamento delle Sezioni Unite.

13-11-2019 Relazioni evento 18 Ottobre 2019

Si allegano le relazioni  relative all'evento "Separicidio - Il Codice Rosso è legge"

11-07-2017 Mediazione obbligatoria: diventa stabile con la manovra corretiva 2017

Il 23 giugno 2017 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la conversione in legge della c.d. manovrina, ovvero la L. 21 giugno 2017, n. 96 di conversione del D.L. 50/2017 recante "Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo".
Tra i vari interventi ivi previsti, l’art. 11-ter introduce una rilevante novità che consiste nell'aver stabilizzato nel nostro ordinamento l’efficacia della disciplina della mediazione obbligatoria la quale, per effetto del c.d. decreto del fare (D.L. 69/2013), aveva invece natura transitoria e sperimentale, eliminando in questo modo il carattere temporaneo dell’istituto.

Prossimi Eventi in calendario

15-12-2020
CORRUZIONE E DINTORNI