Attiva i javascript per vedere correttamente il sito

Presentazione e Statuto

Lo Statuto

25 luglio 2007

Al momento della costituzione della Fondazione Forense il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Perugia era presieduto dall'Avv. Giovanni Dean che con questa lettera la presentò ai colleghi:

Perugia, 27 settembre 2007

Caro  Collega,
Ti informo che il Consiglio dell'Ordine, nell'ottica delle previsioni contenute nei disegni di legge per la riforma dell'Ordinamento della professione di Avvocato e, soprattutto, in considerazione dei compiti affidati ai Consigli dell'Ordine per l'attuazione delle attività di formazione professionale previste dal Codice Deontologico e già disciplinate con il Regolamento approvato dal Consiglio Nazionale Forense, ha costituito lo scorso 25 luglio la

FONDAZIONE FORENSE DI PERUGIA

con sede presso il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati.

La Fondazione si propone:

a) di fornire e favorire le condizioni per la crescita della cultura forense e giudiziaria nell'ambito del Circondario del Tribunale di Perugia, nonché del Distretto della Corte d'Appello di Perugia;

b) di predisporre per i giovani, che intendono intraprendere la libera professione di avvocato, strumenti di studio e di formazione professionale giuridica e forense, anche a mezzo dell'organizzazione e gestione della Scuola Forense;

c) di fornire agli avvocati che operano nell'ambito del Circondario del Tribunale di Perugia, nonché del Distretto della Corte d'Appello di Perugia, un servizio di aggiornamento professionale permanente, con possibilità di specializzazione nei diversi settori dell'attività giudiziaria forense.

La Fondazione ha, altresì, come scopo la promozione e la diffusione dei metodi di risoluzione delle controversie alternativi alla giurisdizione ordinaria e, in particolare, a titolo esemplificativo, della conciliazione, della mediazione e dell'arbitrato. Nell'ambito di tale obiettivo, la Fondazione si propone di diffondere e sviluppare una cultura conciliativa tra privati, società, enti, associazioni e pubbliche amministrazioni.

La Fondazione potrà, inoltre, esercitare l'amministrazione delle procedure di risoluzione delle controversie alternative alla giurisdizione ordinaria, nonché l'organizzazione di centri di risoluzione delle controversie e/o di organismi di conciliazione, anche ai sensi del D. Lgs. n. 5 del 17.01.2003, nonché del D. M. n. 222 del 23.07.2004.

Possono essere nominati soci "ordinari" della Fondazione, con deliberazione del Consiglio di Amministrazione, tutti gli iscritti all'Albo degli Avvocati dell'Ordine di Perugia, nonché tutti gli iscritti agli Albi degli Avvocati degli altri Ordini del Distretto della Corte d'Appello di Perugia, i quali presentino domanda e versino la quota di iscrizione stabilita dal Consiglio di Amministrazione

Confido (allorché, in esito alla procedura di riconoscimento, si apriranno i termini per le iscrizioni) nella Tua adesione, perché la Fondazione è – e sempre di più sarà – un patrimonio prezioso di tutta l’Avvocatura perugina, di cui dovrà custodire i valori e garantire la crescita, dotandola di quegli strumenti culturali e di quelle risorse professionali che ci vengono imposte dalle sfide di rinnovamento di questo millennio.

Potrai prendere visione dello Statuto della Fondazione nel sito del nostro Ordine.

Con i migliori saluti.

Il Presidente

Giovanni Dean

ULTIME 5 NEWS INSERITE

12-11-2020 CORRUZIONE E DINTORNI: 15 DICEMBRE 2020

Ad esaurimento dei posti disponibili tramite il programma "RICONOSCO", i Soci della Fondazione, in regola con il pagamento delle quote associative, potranno inviare una mail con richiesta di iscrizione all'evento a: segreteria@ordineavvocati.perugia.it

02-10-2020 Cass., Sez. V, Ord. 11617 del 16.06.2020

Si pubblica l'Ordinanza della Corte di Cassazione n. 11617 del 16.06.2020 in tema di esenzione fiscale di cui all'art. 17, commi 2 e 3 D.lgs n.28/2010 ("L'esenzione fiscale di cui all'art. 17 co. 2 e 3 del D.lgs 28/2010 (nel caso di specie: dall'imposta di registro sul trasferimento immobiliare), opera solo per atti eseguiti in base all'accordo sottoscritto in sede di mediazione. Ne consegue che l'eventuale atto notarile di trasferimento immobiliare stipulato successivamente, e comunque indipendentemente dal procedimento di mediazione e dal relativo accordo conciliativo, non può beneficiare della predetta esenzione").

02-10-2020 Conclusioni del Procuratore Generale della Corte di Cassazione- Udienza pubblica del 10.03.2020 Sez. Unite Civili

Si pubblicano le conclusioni dell'Ufficio del Procuratore Generale all'udienza pubblica del 10.03.20 Sez. Unite Civili in merito al rapporto tra decreto ingiuntivo e mediazione, in attesa del pronunciamento delle Sezioni Unite.

13-11-2019 Relazioni evento 18 Ottobre 2019

Si allegano le relazioni  relative all'evento "Separicidio - Il Codice Rosso è legge"

11-07-2017 Mediazione obbligatoria: diventa stabile con la manovra corretiva 2017

Il 23 giugno 2017 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la conversione in legge della c.d. manovrina, ovvero la L. 21 giugno 2017, n. 96 di conversione del D.L. 50/2017 recante "Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo".
Tra i vari interventi ivi previsti, l’art. 11-ter introduce una rilevante novità che consiste nell'aver stabilizzato nel nostro ordinamento l’efficacia della disciplina della mediazione obbligatoria la quale, per effetto del c.d. decreto del fare (D.L. 69/2013), aveva invece natura transitoria e sperimentale, eliminando in questo modo il carattere temporaneo dell’istituto.

Prossimi Eventi in calendario

15-12-2020
CORRUZIONE E DINTORNI